Come si sceglie un fotografo per sposa perfetto?

Al momento di organizzare il vostro matrimonio su tutto si può soprassedere ma non sul fotografo: ditelo alla sposa… ditelo soprattutto alla sposa! Chi meglio della sposa lo può sapere, d’altro canto? Una sposa sa che: i fiori saranno bellissimi (il tempo di un giorno); il cibo verrà gustato (in poche ore); il vestito indossato (una sola volta); le fotografie scattate in quel giorno speciale, invece, rimarranno per sempre. Si tratta di una grande responsabilità: il giorno più importate nella vita di una coppia, e i ricordi ad esso associati, dipendono interamente dalla bravura del fotografo. Noi di Patch Wedding ce ne rendiamo conto. Nelle nostre fotografie voi ritroverete e scoprirete per una seconda volta emozioni, situazioni, attimi irripetibili. Ecco perché la scelta del fotografo è così importante: ditelo alla sposa… ditelo soprattutto alla sposa. E se ancora non lo sapete, in questo articolo vi daremo qualche consiglio su come scegliere il fotografo per sposa che fa per voi.

Consigli utili per scegliere il fotografo sposa adatto al vostro matrimonio

fotografo sposa patch Per prima cosa, valutate lo stile fotografico e individuate quello che incontra di più i vostri gusti. Noi di Patch Wedding, ad esempio, lavoriamo secondo lo stile reportage. Quello che facciamo è raccontare la giornata attraverso immagini naturali e spontanee. Le coppie di sposi, che abbiamo avuto il piacere di conoscere, dimostrano di apprezzare il nostro modo di lavorare. Non risulta invadente e permette loro di godersi appieno la giornata senza doversi preoccupare di pose e sorrisi forzati.

Cercate con largo anticipo un fotografo per sposa

La ricerca del fotografo deve iniziare con largo anticipo, almeno qualche mese prima delle nozze. Questo consiglio vale sempre.  Se avete capito che lo stile del fotografo è proprio quello che maggiormente corrisponde ai vostri gusti, non lasciatevelo scappare: dovete assicurarvi la sua presenza prima che venga confermato da un’altra coppia di sposi.

Incontrate di persona il fotografo prima di sceglierlo

Altro consiglio: guardate quanti più reportage matrimoniali che potete del fotografo, su cui avete puntato il vostro interesse. In base a una visione d’insieme, farete una scelta più consapevole. Chiedete, a questo punto, un incontro. Conoscere il fotografo di persona è una cosa molto importante, perché vi sarà accanto in ogni momento durante il vostro matrimonio. Capirete immediatamente che tipo è e se vi piace. Con lui dovete sentirvi a vostro agio.

Preparatevi delle domandefotografo sposa

Non abbiate timore a esporre eventuali dubbi. Cercate di capire come intende programmare il lavoro. In caso, dategli qualche suggerimento: se avete qualcosa che vi sta particolarmente a cuore; o se volete far risaltare un momento o un dettaglio particolare. Oppure chiedete a lui consigli su come realizzare al meglio il vostro reportage: ad esempio, sulle location più adatte per realizzare un reportage di matrimonio o anche un servizio fotografico prematrimoniale. È molto importante che si crei del feeling tra gli sposi e il fotografo. Noi di Patch Wedding pensiamo sia fondamentale che si stabilisca una relazione di fiducia reciproca. Dovete fidarvi di noi prima di tutto perché solo così potrete affidarci con tranquillità il ricordo del giorno più importante della vostra vita; e poi perché così potrete assecondare la nostra libertà di iniziativa e di scelta. Vi seguiremo con rispetto, discrezione, pazienza e allegria, guidandovi laddove è necessario, statene certi. Al momento di organizzare il proprio matrimonio su tutto si può soprassedere ma non sul fotografo: ditelo alla sposa… ditelo soprattutto alla sposa! E volete sapere perché lei la sa così lunga? Certamente per tutte le ragioni sopra elencate, ma soprattutto perché ci saranno tutti, ma proprio tutti: non può sfigurare, deve apparire bellissima! E questo solo un buon fotografo lo sa.

Stai cercando un fotografo per matrimonio a Roma?
Passa a trovarci, il nostro studio fotografico si trova a Roma in Via Goffredo Mameli 51.