0099_MG_6596 011_MG_5842 026_MG_6094 030_MG_6131 045_MG_6194 056_MG_7426 063_MG_7540 059_MG_7479 084_MG_7657 091_MG_6523 web115_MG_6705 266_MG_8501 277_MG_8572 273_MG_7235 486_MG_9565 433_MG_7805 483_MG_9534

Reportage di matrimonio | Palazzo Bracaccio
Luogo: Palazzo Brancaccio
Fotografo di matrimonio: Patch Wedding

Questa Gallery è un breve estratto del servizio fotografico che abbiamo realizzato per i nostri sposi, Virginia e Antonio l’inverno scorso.
Il loro è stato un matrimonio religioso davvero suggestivo per molte ragioni.
Primo, per il mese da loro scelto per le nozze, ovvero dicembre. A ciò si aggiunge il fatto che gli sposi hanno deciso di officiare il rito nella bellissima chiesa di San Pietro in Montorio a Roma, con il Gianicolo a fare da sfondo. Secondo, perché con il Natale alle porte Roma diventa magica e lo è stata ancora di più in occasione di questo matrimonio. Terzo perché la location in cui è avvenuto il loro ricevimento di nozze è stata Palazzo Brancaccio.
Quest’ultimo ha reso l’atmosfera del loro matrimonio davvero speciale. Palazzo Brancaccio è una storica dimora romana costruita nell’Ottocento per volontà di Salvatore Brancaccio, esponente di una delle più antiche famiglie nobiliari napoletane. Il classicismo barocco che ne connota lo stile dona sfarzo ed eleganza ai suoi spazi. Saloni con andamenti sinuosi, colmi di quadri, arazzi e sculture, per non parlare degli stucchi, degli specchi e dei broccati hanno trasportato il matrimonio di Virginia e Antonio in un’altra epoca.
Scorrendo le fotografie del loro matrimonio, ci sembra sempre di aver fotografato scene tratte dal Gattopardo di Luchino Visconti! Il reportage fotografico del loro matrimonio ci ha ispirato e ci ha fatto vivere un’esperienza magica. Molte spose dubitano nella buona riuscita di un matrimonio invernale. Vi garantisco però che l’atmosfera in inverno è davvero speciale nel suo essere inusuale, lasciatevi ispirare.
Grazie ragazzi, il vostro matrimonio invernale è stato davvero emozionante!
“L’amore. Certo, l’amore. […] Lo sapeva lui che cos’era l’amore” (cit. Giuseppe Tomasi Di Lampedusa).